30/11/2010 – Energia questa trasformista: laboratorio storico interattivo

l’Università degli Studi di Pavia inaugura martedì 30 novembre alle ore 16,30, presso l’Aula Golgi di palazzo Botta l’esposizione interattiva “Energia questa trasformista”, che  rientra nelle iniziative di divulgazione scientifica proposte dal Dipartimento di Fisica "A.Volta" e dal Sistema Museale d’Ateneo

scarica il programma dell’inaugurazione

4 sono le sezioni del Laboratorio:

Dall’altezza di caduta alla forza viva – Si parte da una rilettura in termini “energetici” delle idee di Galileo, mostrando con diversi exhibit interattivi che le velocità finali di caduta di un pendolo o di una sfera che scende lungo un piano inclinato sono indipendenti dalla traiettoria percorsa e dipendono solo dall’altezza di caduta. Si esaminano quindi le idee di Huygens, che estende l’analisi al pendolo composto e arriva a  formulare una versione della legge di conservazione della forza viva. Versioni didattiche di pendoli, appositamente progettate, riproducono gli esperimenti ideali di Huygens.  La sezione termina con la figura di Leibniz, che  introduce la dicotomia tra forza viva e forza morta e, per spiegare l’apparente scomparsa del moto negli urti anelastici, il concetto di forza latente.

Varietà e unità dei fenomeni della natura – Gli studi sette-ottocenteschi di termologia, chimica, elettricità e magnetismo ampliano i settori tradizionali della fisica. Gli scienziati inventano "macchine" che consentono collegamenti tra ambiti diversi – si utilizza ad esempio calore per generare lavoro meccanico o lavoro meccanico per generare elettricità Anche ciò che appare come generazione, considerando un sistema più ampio, viene interpretato come una trasformazione. Si sente l’esigenza di definire un’unica grandezza che interpreti fenomeni totalmente differenti, un’unica grandezza che assuma aspetti diversi nei vari contesti: una vera trasformista. La pila, l’elettroforo di Volta,  i primi motori di Faraday, l’alternatore, sono solo alcuni degli strumenti che arricchiscono la sezione.

Correlazione e conservazione – Due outsider, Mayer, un medico, in Germania, e Joule, un esperto e ricco dilettante, in Inghilterra, riescono, con approcci completamente diversi – prevalentemente teorico il primo, prevalentemente sperimentale il secondo – a correlare quantitativamente fenomeni diversi della natura. Joule, in particolare, con il famoso “mulinello a palette” – sostituito in mostra con un più “veloce” mulinello a bicicletta – determina numericamente l’equivalente tra lavoro  meccanico e calore.
Nel 1847 Hermann von Helmholtz formula il  principio di conservazione dell’energia, principio di portata così generale da essere un presupposto per la scienza della natura e non solo per la fisica.
Partendo dall’assunto che non esistono agenti naturali in grado di fornire lavoro meccanico dal nulla (impossibilità del motore perpetuo), il grande fisico e fisiologo tedesco stabilisce che la produzione di lavoro meccanico avviene sempre nell’ambito delle trasformazioni di una quantità, poi definita energia, e che questa quantità rimane costante nel corso delle trasformazioni  che hanno luogo nell’universo.
Ciò che si mantiene costante al variare del numero e del tipo di trasformazioni assume il significato fisico di "energia totale di un sistema”.

Energia e fonti rinnovabili, fotovoltaico – Quest’energia, così difficile da definire teoricamente, nel suo aspetto di "capacità di compiere lavoro" è diventata nelle attuali società industrializzate una necessità primaria della quale c’è crescente bisogno. Quest’energia che non si crea e non si distrugge viene però trasformata utilizzando in gran parte fonti fossili in esaurimento e contribuendo alla produzione di sostanze inquinanti e a cambiamenti climatici nocivi per l’umanità e il suo habitat. La scienza, aiutata dagli sviluppi tecnologici, cerca di uscire da questa empasse elaborando strategie alternative: produrre energia da fonti rinnovabili e "trasformare" non solo l’energia, ma anche i modelli di evoluzione economica e tecnologica, adeguando gli stili di vita alla necessità di uno sviluppo responsabile e sostenibile. Exhibit interattivi sull’effetto fotovoltaico e la fotoconducibilità, celle fotovoltaiche e celle a combustibile illustrano i progressi compiuti.

Apertura dell’esposizione:
– dall’1 dicembre al 21 dicembre 2010
– dal 10 gennaio al 20 febbraio 2011
presso l’Aula Golgi di Palazzo Botta, in Piazza Botta n.7 a Pavia

visualizza la pagina web di presentazione sul sito dell’Università di Pavia