Progetto In-Time a BIMU 2010

obiettivo principale di "In-Time", progetto finanziato dall’Unione Europea, è il miglioramento dell’affidabilità nelle consegne all’interno delle relazioni cliente-fornitore in modo da bilanciare i processi produttivi all’interno dell’intera rete

le reti di produzione non gerarchiche sono il modello più comune per descrivere il funzionamento delle attuali aziende manifatturiere: ogni azienda si confronta con numerosi e dinamicamente ulteriori network che descrivono altre aziende (clienti e fornitori)

questa complessa situazione causa spessissimo ritardi nelle consegne, le forniture in ritardo portano a turbolenze inutili nelle organizzazione a costi per rimettere in sesto il sistema

per l’industria manifatturiera europea questi sprechi sono stimabili attorno a un miliardo di euro all’anno. Oltre ai costi quantificabili, i ritardi nelle consegne portano a una perdita di soddisfazione dei clienti e a tempi di consegna più lunghi

allo scopo di migliorare l’affidabilità nelle rete, ogni fornitore deve essere ricompensato in base alle prestazioni nelle consegne ma oggi  soltanto una piccola quantità di forniture è assicurata grazie a una negoziazione sulla penalità per ritardi di consegna e, pertanto, una notevole quota del rischio condiviso tra fornitore e cliente non viene chiaramente suddivisa

In-Time intende creare trasparenza sviluppando un meccanismo di negoziazione basato sulle esigenze di mercato e su un sistema elettronico per la gestione degli incentivi di consegna